Screen width of at least 320px is required!

13 January 2021

Episode #270

6 January 2021

Episode #269

30 December 2020

Episode #268

23 December 2020

Episode #267

16 December 2020

Episode #266

9 December 2020

Episode #265

2 December 2020

Episode #264

25 November 2020

Episode #263

18 November 2020

Episode #262

Speed 1.0x
/
Cari ascoltatori, benvenuti a una nuova puntata del nostro programma! Oggi è mercoledì 16 dicembre 2020. Io sono Chiara, di nuovo insieme a voi per commentare gli ultimi sviluppi dell’attualità italiana e globale. Cominciamo il nostro viaggio con una notizia che riguarda la vaccinazione anti-Covid, che in Italia, se tutto va bene, avrà inizio il prossimo anno, verso la metà di gennaio.

Campagna di vaccinazione anti-Covid, una primula come simbolo

16 December 2020
Campagna di vaccinazione anti-Covid, una primula come simbolo

È un fiore coraggioso, la primula. Esuberante. Coincide col declino dell’inverno, col progressivo sciogliersi dell’ultima neve. È il primo fiore, ogni anno, a colorare boschi e prati, in montagna e in collina. Con la sua bellezza impaziente, è, per antonomasia, il simbolo della rinascita primaverile. Della speranza. E, a partire dal prossimo anno, la primula, nel nostro paese, avrà pure un importante ruolo comunicativo. Sarà, infatti, in ogni città d’Italia, il logo della campagna di vaccinazione contro il Covid che il governo intende implementare a partire dall’inizio del prossimo anno.

Lo han

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

Anche il calciatore e opinionista sportivo Paolo Rossi, indimenticabile campione, nel 1982, della Coppa del Mondo di Spagna, è stato un simbolo per l’Italia.

Pablito, eroe del Mundial ‘82

16 December 2020
Pablito, eroe del <i>Mundial</i> ‘82

Il logo era perfetto. Un pallone proiettato verso l’alto, come un razzo in volo verso il cielo, lasciava dietro a sé una scia rossa e gialla, i colori del sole. Era l’estate del 1982, e faceva caldo, in Europa, molto caldo, e non solo per ragioni meteorologiche. Quell’anno, in Spagna, un paese che rifioriva energico dopo il ferreo grigiore della dittatura franchista, si giocava la Coppa del Mondo FIFA, la Copa Mundial de Fútbol.

Il pomeriggio del 5 luglio, davanti a 44.000 spettatori, si era giocato a Barcellona l’incontro Italia-Brasile, valido per la semifinale. L’Italia, a dire il vero, era

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

Passiamo ora dal mondo dello sport a quello della musica, per ricordare un artista geniale e indimenticabile: il jazzista Dave Brubeck.

Dave Brubeck, indimenticabile mito del jazz

16 December 2020

Chiudete gli occhi. Vi propongo un piccolo esperimento mentale. Immaginate di avere una macchina del tempo: potete passare un paio d’ore in un luogo, qualunque luogo, in un preciso momento storico del passato. Dove andreste? Mentre ci pensate, vi dico che farei io. Beh, io non ho dubbi: sceglierei la California degli anni Cinquanta, l’epoca del cool jazz. Andrei a San Francisco, al Black Hawk, una notte di primavera

…Al tassista ho dato l’indirizzo esatto: 200 Hyde Street. È ancora presto, eppure, davanti alla porta c’è un gruppo di persone in attesa. Mi metto in fila, paziente. Finalmente, a

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

Lasciamo ora il mondo della musica per parlare di un ambizioso progetto imprenditoriale: Green Pea, il primo centro commerciale d’Italia in perfetta armonia con l’ambiente.

Da Eataly a Green Pea, il cammino di Oscar Farinetti

16 December 2020
Da <i>Eataly</i> a <i>Green Pea</i>, il cammino di Oscar Farinetti
Stefano Guidi / Shutterstock.com

Immagino che l’imprenditore Oscar Farinetti, creatore della prestigiosa catena alimentare Eataly, conosca bene il pensiero di Jean Baudrillard. “Viviamo nella società dei consumi”, diceva un paio di settimane fa, durante un programma televisivo, citando il titolo di una delle opere più famose del celebre sociologo francese, teorico del consumo come atto comunicativo.

Io non so che cosa pensi, intimamente, Farinetti del consumismo che nelle società occidentali, da tempo, pervade ogni cosa. Di certo, in pubblico sfoggia un approccio pragmatico e, tutto sommato, molto intelligente. “Il problema no

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

Concludiamo ora la nostra chiacchierata con la storia di un progetto utopico fiorito nel mare Adriatico alla fine degli anni ‘60.

L’effimera felicità dell’Isola delle Rose

16 December 2020
L’effimera felicità dell’Isola delle Rose

L’Italia del secondo dopoguerra — quella del miracolo economico — era un posto allegro, energico, proiettato verso il futuro con una fiducia assoluta e commovente. Ma era anche, immagino, un luogo moralmente angusto, ancora dominato da una forte presenza della Chiesa cattolica, alleata del partito politicamente dominante in Parlamento, la Democrazia Cristiana.

Quell’Italia non piaceva molto a Giorgio Rosa, un ingegnere meccanico bolognese che, negli anni ‘50, decise di costruire un mondo tutto suo, un microuniverso che avrebbe ospitato un’utopia, un progetto di vita libero e alternativo.

C’è un

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.