Screen width of at least 320px is required!

20 November 2019

Episode #210

13 November 2019

Episode #209

6 November 2019

Episode #208

30 October 2019

Episode #207

23 October 2019

Episode #206

16 October 2019

Episode #205

9 October 2019

Episode #204

2 October 2019

Episode #203

25 September 2019

Episode #202

Speed 1.0x
/
Cari ascoltatori, benvenuti a una nuova puntata del nostro programma! Oggi è mercoledì 23 ottobre 2019. Io sono Chiara, di nuovo insieme a voi per commentare gli ultimi sviluppi dell’attualità italiana e globale. Cominciamo subito con una riflessione su quanto sta accadendo in questi giorni in Cile. Una riflessione che vorrei dedicare alla mia amica Sonia, che vive a Valparaiso. E che, lunedì notte, durante il coprifuoco, mi ha scritto, in preda all’angoscia.

Cile, il fantasma del passato

23 October 2019
Cile, il fantasma del passato
erlucho / Shutterstock.com

L’aumento del biglietto della metropolitana è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. No es el metro, es la desigualdad social, recita lo slogan più visto in questi giorni sulle reti sociali, sugli striscioni dei manifestanti, o sui muri delle case, scritto con la vernice spray. Il Cile sta vivendo un grave momento di tensione. Una tensione che ribolliva da tempo dietro le facciate luccicanti dei grattacieli di Santiago. E sotto la superficie, solo apparentemente tranquilla, di un sistema economico (teoricamente) solido, basato su quella che sembrava essere una felice miscela di libero mercato e programmi sociali. Soltanto pochi giorni fa, il presidente della Repubblica, Sebastián Piñera, si vantava della stabilità del suo paese, descrivendolo come una sorta di ‘oasi’ nel contesto latinoamericano.

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

Lasciamo l’America del Sud e andiamo a Barcellona… ma continuiamo a parlare di manifestazioni di piazza.

Una frattura incolmabile

23 October 2019
Una frattura incolmabile
Alexandros Michailidis / Shutterstock.com

Una sentenza severa — molto severa — quella emessa dalla Corte Suprema spagnola, lunedì 14 ottobre, contro nove esponenti di spicco del movimento indipendentista catalano, che dovranno rimanere in carcere per un periodo che va dai 9 ai 13 anni, a seconda dei casi. Tra loro anche Carme Forcadell, ex presidente del Parlamento della Catalogna, e Oriol Junqueras, ex vicepresidente della Generalitat catalana e presidente del partito indipendentista Esquerra Republicana. Si salva invece dal carcere l’ex presidente della Generalitat, Carles Puigdemont, che osserva tutto dal Belgio, dove si trova, da

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

Buona parte della popolazione catalana vorrebbe l’indipendenza dalla Spagna. Ma anche in Italia c’è chi parla di separazione…

Mestre e Venezia, separazione all’orizzonte?

23 October 2019
Mestre e Venezia, separazione all’orizzonte?
Nick Brundle / Shutterstock.com

Una della due è bellissima, aristocratica e sempre intenta a contemplare il mare. L’altra ha un aspetto un po’ dimesso. È pragmatica, sempre molto indaffarata. E, soprattutto, ha i piedi ben piantati per terra. Venezia e Mestre sono una strana coppia, in effetti. Tanto che, in passato, hanno cercato più volte di separarsi. Invano.

L’unione tra le due città risale al periodo fascista. Al 1926, per l’esattezza. All’epoca, Mestre era un piccolo centro urbano con appena 20.000 abitanti. Nel secondo dopoguerra, però, grazie all’impetuoso sviluppo promosso dal ‘miracolo economico italiano’, Mestre c

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

E da Venezia, passiamo a un’altra città d’arte, Firenze, dove da qualche giorno è possibile ammirare un magnifico olio su tela.

L’incredibile storia di Plautilla Nelli

23 October 2019

I dodici apostoli, raffigurati a grandezza naturale, sono ritratti nel momento in cui Cristo racconta loro che sarà tradito. Nei loro volti vediamo sorpresa, sgomento, dolore. Nella scena centrale, Cristo, lo sguardo sereno e coraggioso, conforta Giovanni. Il dipinto, un olio su tela di sette metri per due, è opera di Plautilla Nelli, madre superiora di un convento domenicano, nata a Firenze nel 1524 e morta, sempre nel capoluogo toscano, nel 1588.

Autodidatta, Plautilla fu una pittrice di notevole talento e grande intraprendenza. Nel suo convento, allestì un vero e proprio laboratorio di pitt

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

L’ammirazione per la creatività ha animato gli ideatori di Made in Italy, una nuova serie TV ispirata alla moda italiana degli anni ‘70.

Made in Italy, la serie che racconta i primi passi della moda italiana

23 October 2019
<i>Made in Italy</i>, la serie che racconta i primi passi della moda italiana
Marco Aprile / Shutterstock.com

L’intera serie — 8 puntate, disponibili dallo scorso 23 settembre su Amazon Prime Video — vuole essere un omaggio a Franca Sozzani, storica direttrice di Vogue Italia, scomparsa prematuramente nel dicembre 2016. Seguendo i passi di Irene, una giovane e ambiziosa giornalista, entriamo nella Milano degli anni ‘70. Un’epoca tumultuosa e affascinante. Un’atmosfera di mobilitazione politica, di proteste in piazza e grandi cambiamenti sociali. Ma anche di sperimentazione estetica e coraggio creativo. Un’atmosfera pura, ancora lontana dal vorace edonismo degli anni ‘80.

Ed eccoci dunque a Milano, all’

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.