Screen width of at least 320px is required!

7 December 2022

Il primo banco di prova del governo Meloni

7 December 2022

Venezia e l’acqua alta

7 December 2022

Gli influencer alle prese col fisco

30 November 2022

Gianluigi Buffon, su calcio femminile e Qatar

30 November 2022

Beirut regala un nuovo dipinto di Artemisia Gentileschi

30 November 2022

I segreti di Cristoforo Colombo

23 November 2022

Roberto Saviano e l’appello di Pen International

23 November 2022

Startup effimere

23 November 2022

Abusi nel mondo della ginnastica ritmica italiana

Speed 1.0x
/
aa
AA

Beirut regala un nuovo dipinto di Artemisia Gentileschi

30 November 2022
Beirut regala un nuovo dipinto di Artemisia Gentileschi
Wikimedia Commons
Il 4 agosto 2020, poco dopo le sei del pomeriggio — l’ora del traffico nelle vie del centro, delle passeggiate sul lungomare — un’esplosione violentissima scuoteva il porto di Beirut. Una fitta nube di fumo color arancio divorava il cielo. L’onda d’urto invadeva veloce ogni cosa — le vie affollate di Hamra, i palazzi di Achrafieh —, lasciando ovunque grumi di cemento, schegge di vetro e metallo. Pesantissimo il bilancio della tragedia: oltre 200 morti, quasi 7000 feriti.

A causare l’esplosione erano state 2750 tonnellate di nitrato di ammonio, stoccate dal 2013 in un magazzino del porto, vici

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.