Screen width of at least 320px is required!

30 November 2022

Beirut regala un nuovo dipinto di Artemisia Gentileschi

30 November 2022

I segreti di Cristoforo Colombo

23 November 2022

Roberto Saviano e l’appello di Pen International

23 November 2022

Startup effimere

23 November 2022

Abusi nel mondo della ginnastica ritmica italiana

16 November 2022

L’adolescenza fragile

16 November 2022

Il filo del Colibrì

16 November 2022

Dai Bronzi di Riace al ‘Tesoro di San Casciano’

9 November 2022

Il complicato rapporto dell’Italia con l’arte

Speed 1.0x
/
aa
AA

Abusi nel mondo della ginnastica ritmica italiana

23 November 2022
Abusi nel mondo della ginnastica ritmica italiana
Belish / Shutterstock
Uno dei tanti miti dello sport è quello legato al sacrificio a ogni costo. Ottenere risultati richiede disciplina, dedizione e costanza, ma tutto ciò spesso si confonde con l’idea che, per vincere, si debba soffrire.

In un contesto di sofferenza elevata a mito, può succedere che le eventuali angherie degli allenatori non vengano percepite come tali. Che la fiducia tra allenatore e atleta aiuti il primo a trasformarsi in aguzzino.

Questo discorso, purtroppo, è tutt’altro che teorico. Lo dimostra, per esempio, il caso di Nina Corradini, ex promessa della ginnastica ritmica che nel 2021 ha lasciat

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.