Screen width of at least 320px is required!

27 October 2021

I treni ad alta velocità e la crisi di Alitalia

27 October 2021

Torino, il Salone del Libro è un successo

20 October 2021

Violenza neofascista nel cuore di Roma

20 October 2021

Walter Veltroni presenta il suo nuovo libro, un giallo dove non c’è spazio per la politica

20 October 2021

Jenny Saville dialoga con Michelangelo a Firenze

20 October 2021

La mozzarella conquista il palato dei francesi

13 October 2021

Elezioni amministrative, i romani bocciano Virginia Raggi

13 October 2021

Cambiamenti climatici, arriva il caffè siciliano

13 October 2021

Giorgio Parisi vince il Nobel per la Fisica

Speed 1.0x
/
aa
AA

Jenny Saville dialoga con Michelangelo a Firenze

20 October 2021
Jenny Saville dialoga con Michelangelo a Firenze
silverfox999 / Shutterstock.com
Nei suoi dipinti d’inizio carriera c’era la sofferenza calma, l’introspezione affilata di Lucian Freud. E una ribellione indolente e orgogliosa. Una sfida lanciata al mondo, alla società. La vera bellezza fiorisce nelle pieghe dell’imperfezione, sembravano dire gli occhi estatici della protagonista di Propped. Con quel monumentale autoritratto — con quel corpo che si contemplava sulla superficie di uno specchio opaco —, Jenny Saville conquistò il gallerista Charles Saatchi, che comprò la sua collezione di laurea, facendo di lei la stella dei Young British Artists. Era la primavera del 1992. Da

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.