Screen width of at least 320px is required. Screen width can be adjusted by widening your browser window or adjusting your mobile device settings. If you are on a mobile device, you can also try orienting to landscape.

20 December 2023

Putin per sempre

13 December 2023

Henry Kissinger, l’uomo della Realpolitik

13 December 2023

La Russia dichiara guerra alle persone LGBT+

6 December 2023

La Cop28 e “il disco rotto” dell’emergenza climatica

6 December 2023

Le previsioni meteo secondo Google

29 November 2023

La crisi dell’Universo Cinematografico Marvel

29 November 2023

L’OMS lancia la Commissione per la Connessione Sociale

22 November 2023

L’Argentina, delusa, volta pagina

22 November 2023

Due amici a San Francisco

Speed 1.0x
/
aa
AA

Le previsioni meteo secondo Google

6 December 2023
Le previsioni meteo secondo Google
Aliaksander Karankevich / Shutterstock
Lo scorso 16 settembre l’uragano Lee si è abbattuto sul New England, in particolare sull’isola di Long Island, e nella regione canadese della Nuova Scozia. Circa una settimana prima, nel giro di ventiquattr’ore, da tempesta tropicale, Lee era diventato un uragano di categoria 5, la più alta possibile, lo stesso picco raggiunto nel 2005 dall’uragano Katrina.

Come sempre, quando c’è di mezzo un uragano, si è cercato di prevedere dove avrebbe colpito. I metereologi, come moderni oracoli, hanno analizzato dati ed elaborato modelli, lavorando con un margine di circa 10 giorni.

In questo caso, le prev

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.