Screen width of at least 320px is required!

28 June 2023

La ribellione di Prigozhin

21 June 2023

In arrivo l’anti-Twitter?

21 June 2023

Il valore della disobbedienza civile

14 June 2023

Tappeto rosso per Elon Musk in Cina

7 June 2023

Le nuove frontiere dell’industria videoludica

31 May 2023

Nuova forza per Erdogan

31 May 2023

Scienza e politica d’accordo sulla settimana lavorativa di quattro giorni

24 May 2023

Fuori dall’emergenza pandemica

24 May 2023

Eurovision Song Contest, novità e conferme

Speed 1.0x
/
aa
AA

Le nuove frontiere dell’industria videoludica

7 June 2023
Le nuove frontiere dell’industria videoludica
Anton27 / Shutterstock
Nel 1985, l’era di macchine come il Commodore 64 o lo Zx Spectrum, uscì un videogioco insolito per i tempi, Little computer people. Era una simulazione in cui il giocatore seguiva la vita di un omino che, stando al manuale di istruzioni, abitava dentro il computer.

Da allora, l’idea di personaggi artificiali che imitano modelli in carne e ossa è rimasta una costante. Pensiamo solo alla fortunata serie The Sims, o ai giochi di ruolo più venduti dello scorso decennio. Parlo di pietre miliari come The Witcher 3 o Skyrim, dove i personaggi hanno una vita propria, e i giocatori si ritrovano immersi

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.