Screen width of at least 320px is required!

3 August 2022

Il New York Times esprime preoccupazione per un governo guidato da Giorgia Meloni

3 August 2022

L’avventura della Caritas romana di Artemisia Gentileschi

3 August 2022

Patti Smith incanta Pompei

27 July 2022

Incendio nella politica italiana

27 July 2022

Contro la mafia, un cambiamento culturale

27 July 2022

L’arte contro la crisi climatica

27 July 2022

Sharon Stone, regina del castello

20 July 2022

Nuove polemiche sul Jova Beach Party

20 July 2022

La Sardegna frena lo sviluppo del settore eolico

Speed 1.0x
/
aa
AA

Contro la mafia, un cambiamento culturale

27 July 2022
Contro la mafia, un cambiamento culturale
Wikimedia Commons
Cinquantasette giorni, appena una manciata di settimane, separano, sul calendario, la strage di Capaci da quella di via D’Amelio—un breve filo teso, avvelenato e invisibile, che lega gli attentati esplosivi che posero fine alla vita di due magistrati illustri, due uomini di grande intelligenza investigativa, raro coraggio, e massima onestà intellettuale. Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia il 23 maggio 1992, a Capaci, sull’autostrada che corre verso Palermo, e Paolo Borsellino, ucciso, pure lui per mano mafiosa, il 19 luglio di quello stesso anno. Un filo teso, una vile trama di vendetta.

Ad

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.