Screen width of at least 320px is required. Screen width can be adjusted by widening your browser window or adjusting your mobile device settings. If you are on a mobile device, you can also try orienting to landscape.

17 July 2024

Episode #453

10 July 2024

Episode #452

3 July 2024

Episode #451

26 June 2024

Episode #450

19 June 2024

Episode #449

12 June 2024

Episode #448

5 June 2024

Episode #447

29 May 2024

Episode #446

22 May 2024

Episode #445

Speed 1.0x
/
aa
AA
Cari ascoltatori, benvenuti a una nuova puntata del nostro programma! Oggi è mercoledì 3 luglio 2024. Io sono Carmen, insieme a voi per commentare gli ultimi sviluppi dell’attualità italiana e globale. Questa settimana iniziamo il nostro percorso in Bolivia, dove, mercoledì 26 giugno, è andato in scena un tentativo di colpo di Stato d'étatz*. Il paese, già alle prese con una grave crisi economica e una crescente rivalità tra l’ex presidente Evo Morales e il suo successore, Luis Arce, ha vissuto alcune ore di caos.

Bolivia, la (tesa) quiete dopo la tempesta

3 July 2024
Bolivia, la (tesa) quiete dopo la tempesta
Alina Sharipova / Shutterstock

La calma regnava nuovamente nelle strade di La Paz la mattina di giovedì 27 giugno, a poche ore dal sollevamento militare che aveva minacciato il governo del presidente Luis Arce. Nelle vie del centro scorreva il fiume del traffico, mentre negozi e uffici si preparavano a una nuova giornata di attività.

Ma quella era una calma tesa, colma di inquietudine. La rivolta del generale Juan José Zuñiga, il comandante dell’esercito destituito da Arce il giorno prima, era durata appena tre ore, ma aveva gettato il paese nell’incertezza, evocando cupi spettri del passato.

Il 26 giugno, attorno alle tre

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

* * *
Un estenuante conflitto è pure quello che, in varie città del mondo, vede contrapposti residenti e piattaforme dedicate agli affitti turistici.

Barcellona, contro il turismo di massa

3 July 2024
Barcellona, contro il turismo di massa
Stefano Politi Markovina / Shutterstock

Nel febbraio del 2021, nel bel mezzo del colpo inflitto al settore turistico dalla pandemia del Covid, l’amministrazione della città di Barcellona annunciava di voler vietare l’affitto di stanze per soggiorni inferiori a 30 giorni. Una misura pensata per combattere la proliferazione degli affitti turistici nell’area urbana e il pesante impatto economico del fenomeno sulla popolazione residente. Sapendo di poter fare un sacco di soldi con turisti e nomadi digitali, i proprietari non erano più interessati ad offrire i loro immobili con uno schema d’affitto a lungo termine.

Erano anni, in realtà,

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

* * *
E mentre, in Spagna, Barcellona e Malaga dichiarano guerra agli eccessi del turismo, in Italia, un antico palazzo di Milano apre le porte al mondo degli influencer.

Brera, i barbari nel palazzo

3 July 2024
Brera, i barbari nel palazzo
lindasky76 / Shutterstock

Nello stereotipo collettivo, Milano è la città del business. Dinamica e audace. Contemporanea e cosmopolita. Tempio del design, della moda e della finanza. Ma Milano è pure una città d’arte, custode di immensi tesori. Come L’ultima cena di Leonardo da Vinci, o la splendida collezione del Museo del Novecento. O come la collezione d’arte esposta nelle sale del Palazzo di Brera, gioiello del seicento lombardo.

Proprio il Palazzo di Brera — sede, oltre che dell’omonima pinacoteca, pure della biblioteca nazionale Braidense — è stato al centro, nei giorni scorsi, di un’accesa polemica.

Una polemica d

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

* * *
Lasciamo ora l’ostentazione del lusso per parlare di una celebrità, una stella del mondo del calcio, che ha scelto uno stile di vita opposto: semplice e a contatto con la natura.

Roberto Baggio e il mistero del pallone d’oro

3 July 2024
Roberto Baggio e il mistero del pallone d’oro
ph.FAB / Shutterstock

La sera di giovedì 20 giugno, a Gelsenkirchen, in Germania, si giocava, nell’ambito del campionato europeo di calcio 2024, un’intensa partita tra Italia e Spagna, storiche rivali calcistiche. Molte le persone con gli occhi incollati allo schermo del televisore, a tifare per la nazionale. Gruppi di amici nei bar, famiglie intere riunite nel salotto di casa. Tra loro, ad Altavilla Vicentina, in una bella casa immersa nel verde della campagna veneta, c’era anche la famiglia dell’ex attaccante e centrocampista Roberto Baggio, uno dei migliori giocatori nella storia, vincitore, nel ‘93, del Pallone

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.