Screen width of at least 320px is required. Screen width can be adjusted by widening your browser window or adjusting your mobile device settings. If you are on a mobile device, you can also try orienting to landscape.

10 April 2024

Episode #439

3 April 2024

Episode #438

27 March 2024

Episode #437

20 March 2024

Episode #436

13 March 2024

Episode #435

6 March 2024

Episode #434

28 February 2024

Episode #433

21 February 2024

Episode #432

14 February 2024

Episode #431

Speed 1.0x
/
aa
AA
Cari ascoltatori, benvenuti a una nuova puntata del nostro programma! Oggi è mercoledì 27 marzo 2024. Io sono Chiara, insieme a voi per commentare gli ultimi sviluppi dell’attualità italiana e globale. Cominciamo con una notizia che ci porta in Francia, dove l’Assemblea nazionale, in questi giorni, ha approvato un progetto di legge volto a limitare i danni ecologici e sociali della fast fashion. La parola, ora, passa al Senato.

La Francia dichiara guerra alla fast fashion

27 March 2024
La Francia dichiara guerra alla <i>fast fashion</i>
A G Baxter / Shutterstock

L’armadio della mia camera da letto nella casa di mia madre conserva ancora i vestiti che mettevo all’epoca del liceo. Maglioni di lana, camicie e magliette di cotone, minigonne e pantaloni, giacche, cappotti, sciarpe e cappelli. Persino gli abiti eleganti delle feste del sabato sera. Capi classici, perfettamente conservati. La politica, a casa mia, è sempre stata quella di puntare sulla qualità, non sulla quantità. Non mentirei se dicessi che potrei indossare oggi, senza alcun problema, la maggior parte di quegli indumenti.

Altri tempi. Negli ultimi anni, le strade delle nostre città si sono

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

* * *
Andiamo ora in Italia, per ricordare l’importanza dell’informazione libera, indipendente da interessi economici e giochi di potere.

Mattarella ricorda l’importanza dell’informazione libera

27 March 2024
Mattarella ricorda l’importanza dell’informazione libera

Nel giorno del 30° anniversario del sacrificio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, assassinati in Somalia, il 20 marzo del 1994, mentre svolgevano il loro lavoro, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricordato quanto sia importante, per la salute democratica di una società, l’esistenza di un ecosistema informativo libero.

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin “erano giornalisti di valore alla ricerca di verifiche e riscontri su una pista che avrebbe potuto portare a svelare traffici ignobili”, ha ricordato Mattarella in un comunicato pubblicato sul sito web del Quirinale.

Nel 1994, la Somali

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

* * *
Nei giorni scorsi, il presidente Mattarella ha avuto modo di parlare del ruolo, prezioso ed essenziale, della libertà di stampa pure in un’altra occasione: l’inaugurazione, a Roma, della nuova sede dell’Associazione della Stampa Estera.

Le mille vite di Palazzo Grazioli

27 March 2024
Le mille vite di Palazzo Grazioli
Liya_Blumesser / Shutterstock

Silvio Berlusconi non aveva simpatia per la stampa estera, difficilmente controllabile, a differenza dei giornalisti che lavoravano nel suo impero mediatico.

Solo una volta tenne una conferenza stampa presso l’Associazione della Stampa Estera. In quell’occasione, come avrebbe poi fatto tante altre volte, mentì. Disse, alla platea di giornalisti seduti davanti a lui, di non avere alcuna intenzione di entrare in politica. Era il novembre del 1993. Poche settimane dopo, il 26 gennaio, Berlusconi annunciava, con un messaggio preregistrato inviato a tutte le emittenti televisive nazionali, la sua “

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

* * *
Rimaniamo a Roma, dove, qualche giorno fa, la premier Giorgia Meloni si è resa protagonista di una peculiare… performance.

Cabaret Meloni

27 March 2024
Cabaret Meloni
Alessia Pierdomenico / Shutterstock

Il Parlamento italiano dell’era Meloni, assomiglia, troppo spesso, a un cabaret. Un cabaret che vede al centro, come protagonista assoluta, lei: Giorgia Meloni. La premier dà il meglio di sé soprattutto nell’aula della Camera. Nei momenti in cui è costretta ad ascoltare gli interventi che giungono dai banchi dell’opposizione, dà vita a un vero e proprio spettacolo, senza risparmiare energie. L’enfasi, le pause, la gestualità. Meloni allarga le braccia, ride, atteggia il viso in mille smorfie, immensamente espressive. C’è la smorfia stupita e incredula, quella a metà strada tra l’indignazione e

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.

* * *
Concludiamo il nostro percorso a Firenze, dove è stata da poco inaugurata una mostra dedicata all’artista tedesco Anselm Kiefer.

Anselm Kiefer a Palazzo Strozzi

27 March 2024
Anselm Kiefer a Palazzo Strozzi
ColorMaker / Shutterstock

Il fatto che Palazzo Strozzi gli dedichi, oggi, una grande mostra monografica è, per Anselm Kiefer, il coronamento di un sogno. Tanti anni fa, quando, ventenne, studiava arte alle accademie di Friburgo e Karlsruhe, era rimasto folgorato dall’eleganza severa e pulita del bel palazzo fiorentino. Dalla bellezza serena di quella facciata di pietra quattrocentesca. Quasi un ossimoro, in realtà, se pensiamo che la produzione del grande artista tedesco, nel corso degli anni, sarebbe stata animata, per lo più, da composizioni esuberanti e inquiete, vere e proprie esplosioni di energia.

Angeli caduti

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.