Screen width of at least 320px is required!

26 November 2020

A Torino gli insegnanti seguiranno corsi formativi sulla pedagogia di genere

26 November 2020

In Italia esplode la mania per la linea di abbigliamento della Lidl

19 November 2020

Zona rossa, arancione e gialla, il lockdown mirato che fa infuriare i governatori

19 November 2020

Coronavirus, scoppia il caso sull’apertura estiva delle discoteche in Sardegna

12 November 2020

Polemiche sul tweet del governatore della Liguria sul confinamento degli anziani

12 November 2020

Riesplode la storica diatriba tra Francia e Italia sul confine del Monte Bianco

5 November 2020

Cervinia, polemiche per gli assembramenti all’apertura della stagione sciistica

5 November 2020

Polemiche per la famigliola di cinghiali uccisa in un giardino pubblico di Roma

29 October 2020

Alla Camera approda una legge contro gli stereotipi nei libri di testo

Speed 1.0x
/

Zona rossa, arancione e gialla, il lockdown mirato che fa infuriare i governatori

19 November 2020
Zona rossa, arancione e gialla, il lockdown mirato che fa infuriare i governatori
Antonello Marangi / Shutterstock.com

Stefano: Nella notte tra martedì 3 e mercoledì 4 novembre, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo piano, per tenere sotto controllo i contagi da Covid-19, il cui aumento esponenziale sta mettendo in crisi il sistema sanitario nazionale. Dato che ogni regione registra una situazione epidemiologica differente, il governo e gli esperti hanno pensato di suddividere l’Italia in tre aree, gialla, arancione e rossa, a seconda dei diversi coefficienti di rischio. A ciascun colore corrisponde un livello di gravità diverso e misure restrittive più o meno severe. Nelle regioni che sono state inserite nella zona rossa, è entrato in vigore un lockdown piuttosto rigido. Alcune misure impongono, per esempio, il divieto di spostamento salvo per motivi di lavoro, la chiusura di gran parte delle attività commerciali, la sospensione delle attività sportive, e la didattica a distanza. Il piano di contenimento del governo ha suscitato la reazione dei presidenti di alcune Regione, che non hanno preso bene la scelta dell’esecutivo di inserire i loro territori nelle aree, dove sussistono limitazioni maggiori.

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.