Screen width of at least 320px is required. Screen width can be adjusted by widening your browser window or adjusting your mobile device settings. If you are on a mobile device, you can also try orienting to landscape.

11 April 2024

La Lombardia cerca infermieri in Sudamerica

11 April 2024

L’Università di Trento rivoluziona il linguaggio accademico per l’inclusività di genere

4 April 2024

Polemiche su una scuola di Milano che ha scelto di celebrare il Ramadan

4 April 2024

Le limitazioni sul ponte del Brennero preoccupano le aziende Italiane

28 March 2024

L'erosione costiera minaccia la spiaggia di Ostia

28 March 2024

L'Aquila sarà Capitale Italiana della Cultura per il 2026

21 March 2024

La contestata ciclovia sul Lago di Garda

21 March 2024

Sei Nazioni: l'Italia fa la storia con la vittoria contro il Galles e la Scozia

14 March 2024

Le elezioni regionali in Sardegna

Speed 1.0x
/
aa
AA

Le limitazioni sul ponte del Brennero preoccupano le aziende Italiane

4 April 2024
Le limitazioni sul ponte del Brennero preoccupano le aziende Italiane
GLF Media / Shutterstock

Alessandro: Hai sentito le ultime notizie riguardo al viadotto autostradale del Passo del Brennero, uno dei valichi alpini più rinomati, situato al confine tra Italia e Austria?
Carmen: Sì! Sembra che tra meno di un anno il traffico sarà limitato a una sola corsia per senso di marcia.
Alessandro: Esattamente, come riportato dal quotidiano Il Post il 19 marzo, il viadotto, noto come "ponte Lueg", sta diventando troppo vecchio e presto non sarà più in grado di sopportare il peso dei numerosi veicoli che attualmente percorrono le quattro corsie. Queste restrizioni si sommeranno ad altre già in atto da diversi anni per la circolazione dei camion nel tratto di autostrada a nord del valico alpino. Tra le misure più severe, c'è il divieto assoluto di circolazione notturna per tutti i camion. Queste restrizioni, imposte dal governo austriaco, hanno l'obiettivo di ridurre il flusso intenso di merci commerciali al fine di abbattere le emissioni inquinanti causate dal traffico dei mezzi pesanti, spesso al di sopra dei limiti consentiti. Di conseguenza, è possibile che si formino code chilometriche, anche lunghe 80-100 chilometri, rallentando il passaggio giornaliero dei mezzi pesanti. Si prospettano disagi non di poco conto che stanno già mettendo in allarme le numerose aziende di trasporto merci italiane, che recentemente si sono riunite a Trento per discutere della situazione del ponte.

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.