Screen width of at least 320px is required!

24 May 2023

L’addio di Fabio Fazio e il cattivo gusto di Matteo Salvini

24 May 2023

Elodie, la nuova regina del pop italiano

24 May 2023

Nuovi ritrovamenti a Pompei

17 May 2023

Zelensky a Roma, una visita densa di simbolismo

17 May 2023

Brescia, culla di una destra pragmatica

17 May 2023

Il talento di Sofonisba Anguissola

17 May 2023

Studiare, un lusso per ricchi?

10 May 2023

Il “concertone” del primo maggio

10 May 2023

Un referendum contro le armi all’Ucraina?

Speed 1.0x
/
aa
AA

Brescia, culla di una destra pragmatica

17 May 2023
Brescia, culla di una destra pragmatica
trabantos / Shutterstock
Fabio Rolfi non ha vinto la sua scommessa. La scorsa domenica non è stato eletto sindaco di Brescia, la seconda città più popolosa della Lombardia, dopo Milano. Ma questo poco importa, perché la storia personale del signor Rolfi riflette bene l’evoluzione della destra bresciana, che sembra aver abbracciato un cambiamento di paradigma.

Dopo aver lanciato, lo scorso dicembre, la sua candidatura alla carica di sindaco, Rolfi — di certo consigliato da un abile gruppo di esperti in comunicazione elettorale — si era presentato al pubblico come un conservatore morbido: moderato, sobrio, pragmatico. U

End of free content.

To access this material, please LOG IN.

If you don't have a subscription, please click HERE to sign up for this program.